Le ultime

I pigri da diporto animano il mare nostro

L'estate dei baresi vuol dire mare. E chi ha la fortuna di avere una barca se lo gode dal largo, navigando alla ricerca delle coste solitarie o delle profondità limpide del nostro Adriatico. Ma spesso capita di voler stazionare in rada poco distante dal lungomare: sarà per l'aumento continuo della benzina? O per pigrizia? Oppure per "mettersi in vetrina"? Chissà. Tuttavia lo spettacolo, in fondo, non è male: vedere tante imbarcazioni che popolano la nostra costa dà vita al mare nostro. Questa estate è la prima vera estate dopo due anni da incubo, nonostante il virus faccia di nuovo capolino anche col caldo. Ma non fa più tanta paura come prima: c'è il vaccino, sempre in nuove versioni; c'è il farmaco di pronto intervento; c'è la minor pericolosità delle varianti... ma c'è anche che ci siamo stancati, pur rimanendo preoccupati per gli anziani e per i più fragili. Quest'estate deve essere un'estate di rinascita. Dobbiamo crederci. E allora con uno sguardo ai pigri da diporto vi auguriamo buone ferie e buon relax: arrivederci al 17 settembre.

Scrivi all'autore

wave